Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok
RESISM: la Rete per l'Educazione Sismica
Un gruppo di Istituti superiori dell’Emilia Romagna e della Toscana ha fondato una rete basata sull’idea che la prevenzione sismica inizi dalle scuole. Si chiama RESISM, è attiva da due anni e ha recentemente coinvolto anche alcune scuole del Centro Italia sulle tematiche dell'antisismica 


Il progetto RESISM - Rete per l'Educazione Sismica  riunisce al momento 9 scuole superiori dell’Emilia Romagna e 4 della Toscana. E’ nato nel 2015, con l’obiettivo di realizzare percorsi di apprendimento per divulgare tra gli studenti le conoscenze scientifiche dei fenomeni sismici, delle loro cause e delle loro conseguenze. Perché diffondere conoscenza e consapevolezza può ridurre il rischio sismico.

In soli due anni RESISM ha dato il via a diverse interessanti iniziative: ultima solo in ordine temporale, all’indomani del sisma del 24 agosto, il coinvolgimento delle scuole del Centro Italia colpite dal terremoto in una serie di incontri nelle classi quinte di Istituti CAT di Rieti, Ascoli Piceno e Norcia. I collaboratori volontari di RESISM hanno presentato a studenti e docenti una serie di analisi e riflessioni sui terremoti avvenuti nel 2012 in Emilia e nel 2009 in Abruzzo, per valutare e studiare insieme proposte e strategie per la prevenzione sismica nei diversi territori. Inoltre, in occasione della visita del SAIE 2016 di Bologna, i ragazzi del quinto anno hanno dedicato una mattinata alle lezioni teoriche e pratiche che si sono tenute presso l'IIS “Aldini Valeriani-Sirani”. 

Accolti dal Preside Salvatore Grillo, alla presenza del Presidente del Collegio Geometri di Rieti Carlo Papi e di quello di Bologna Stefano Dainesi, e grazie alla collaborazione dell’ing. Mauro Bernardini dell' Associazione di Promozione Sociale "Io Non Tremo!", coadiuvato dalla dott.ssa Mafalda Valentini, i giovani hanno condotto esperimenti diretti con tavole vibranti, molle per simulare onde sismiche, filtri di polarizzazione della luce per vedere le sollecitazioni su travette di policarbonato, e hanno poi analizzato dati, tabelle, video e pannelli illustrati. 


QUI per approfondire


QUI per approfondire