Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok
Unanime l'approvazione che rende abilitante la LAUREA DEL GEOMETRA
È approvato definitivamente e all’unanimità dal Senato il disegno di legge che rende abilitante alla professione di geometra laureato la laurea triennale nella classe LP01 “Professioni tecniche per l’edilizia e il territorio”



“Si tratta di un provvedimento importantissimo – ha dichiarato immediatamente il presidente CNGeGL Maurizio Savoncelli – per il quale la categoria ha lavorato assiduamente e che costituisce uno straordinario risultato, completando il percorso di riforma di accesso alla professione di geometra avviato nel 2014”.

Analoga soddisfazione viene espressa dal Ministro dell’università e della ricerca Maria Cristina Messa, che ritiene “l’approvazione unanime sui titoli universitari abilitanti un segno della grande attenzione verso i giovani”, e dalla senatrice Simona Malpezzi, Capogruppo del PD al Senato, nonché relatrice del primo disegno di legge presentato nel 2016, che annota come “il collegamento fattivo con i professionisti già durante il corso di laurea sia una scelta che assegna ancora più valore al tempo e agli studi dei nostri ragazzi”.

Si unisce alle dichiarazioni il senatore Mario Pittoni, relatore del testo e vice presidente della commissione cultura al senato che ha analizzato il provvedimento e sostiene “l’organicità di una misura avviata con l’articolo 102 del decreto Cura Italia, divenuta ora strumento di attuazione di uno degli interventi di riforma indicati nel piano nazionale di ripresa e resilienza inviato alla Commissione europea”. 

Il testo del Ddl è stato approvato in data odierna a Palazzo Madama (Atto Senato 2305), senza alcuna modifica rispetto al documento che aveva esaminato e licenziato la Camera dei Deputati lo scorso 23 giugno, disponendo che - come anticipato dalla categoria e inserito già nei piani didattici degli atenei – l’esame di laurea, svolto alla presenza di docenti e di qualificate figure professionali di riferimento, con il compito di giudicare le competenze acquisite dal giovane, sostituirà la discussione della tesi e sarà inclusivo del titolo abilitante. Si precisa che il tirocinio formativo dovrà obbligatoriamente essere svolto nel corso degli studi, una fase in cui intervengono anche i geometri liberi professionisti a disposizione delle università, che ne coordinano e regolano il sostegno e la collaborazione.

QUI il comunicato stampa