Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok
Riforma del catasto "sul campo" e con il coinvolgimento dei cittadini: le proposte dei professionisti di area tecnica per renderla operativa,equa e strutturale

Giovedì 11 dicembre si è svolto a Roma il tavolo di confronto promosso da Consiglio Nazionale Geometri e la Rete delle Professioni Tecniche (RPT) sul tema della riforma del catasto, “rilanciata” nelle scorse settimane con l’approvazione del Consiglio dei Ministri del decreto legislativo che disciplina le nuove commissioni censuarie, incaricate di definire le nuove rendite e i nuovi valori catastali.

Presenti i rappresentanti dei principali portatori d’interesse: istituzioni, amministrazioni finanziarie, ordini professionali, associazioni, cittadini; tutti hanno fornito contributi interessanti in una giornata voluta e organizzata per essere prima di tutto costruttiva.

Al termine dei saluti rivolti da Maurizio Savoncelli, Presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati e membro della Rete delle professioni Tecniche, gli interventi istituzionali di Rossella Orlandi e Gabriella Alemanno (Agenzia delle Entrate), Armando Zambrano (Rete delle Professioni Tecniche), Maurizio D’Errico (Consiglio Nazionale Notariato).

Tutti hanno sottolineato due aspetti: la necessità che, ai fini del varo di una riforma da tutti indicata come epocale, debbano prevalere logiche di collaborazione e non di contrapposizione, e l’importanza del contributo delle professioni. “Il mondo della fiscalità di cui il Catasto fa parte” ha affermato Rossella Orlandi, direttore dell’Agenzia delle Entrate “è molto complesso e per questo necessita di un confronto costante e attento con tutti i portatori di interesse. Quella di cui discutiamo è una riforma epocale, non certo una manutenzione, e coinvolgerà tutto il patrimonio immobiliare italiano. La posta in gioco è rilevante da un punto di vista economico, fiscale e sociale”.

A seguire la presentazione del Vice Presidente Antonio Benvenuti della “Proposta metodologica per la revisione degli estimi dei fabbricati elaborata dal CNGeGL che ha dato il via al dibattito partecipato da Angelo Peppetti (ABI), Fabio Picciolini (ADICONSUM), Alessandro Cattaneo (ANCI), Giorgio Spaziani Testa (Confedilizia). Tanti gli aspetti toccati, in primis l’equità fiscale, i benefici sul mercato, il ruolo dei comuni, le responsabilità dei professionisti.

Una discussione allargata alla più ampia rappresentanza sociale che ha molto soddisfatto Maurizio Savoncelli: “Riformare il catasto – e quindi le rendite catastalisignifica porre le premesse per realizzare una banca dati con valori immobiliari reali, finalmente allineati a quelli attuali, di mercato. In quest’ottica, il catasto italiano già dispone di un patrimonio di informazioni adeguato e di standard elevato, che merita di essere riconosciuto e apprezzato anche a livello internazionale. Valorizzarlo nella direzione sin qui indicata significa legittimarlo come strumento in grado di garantire trasparenza, condivisione e, soprattutto, la maggiore equità possibile dei valori catastali che, come noto, sono alla base del calcolo di una serie di imposte dovute da cittadini e imprese: Imu, Tasi, compravendita, successioni, eccetera. L’equità – vero banco di prova dell’intera operazione – diventa così il principale strumento nelle mani della politica e delle amministrazioni comunali per ottemperare al principio dell’invarianza di gettito, così come previsto dall'articolo 2 della legge delega. Il nostro obiettivoconcludeè fare della proposta della Categoria le fondamenta di un lavoro capace di includere il più ampio numero di aspetti attinenti la riforma catastale - per renderlo  disponibile presso ogni sede utile, a cominciare dalle commissioni censuarie”.

LEGGI LA PROPOSTA DI RIFORMA

Articolo Sole 24 Ore "Pronti i criteri per il nuovo catasto"

Articolo Sole 24 Ore "La Riforma del catasto attende i criteri di stima per case e uffici"

Articolo Sole 24 Ore - Progetti e concorsi "Perizie ed estimi catastali:ecco le nuove opportunità"

GUARDA IL VIDEO