Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok
Pubblicato il Rapporto immobiliare residenziale 2018

Migliora la capacità delle famiglie di acquistare un’abitazione. E’ quanto emerge in base ai nuovi dati disponibili sul mercato residenziale in Italia e contenuti nel report tradizionalmente curato dall’Agenzia delle Entrate 

Quarto anno consecutivo con il segno positivo per il mercato immobiliare italiano delle abitazioni. Questo è quanto emerge dal Rapporto immobiliare residenziale 2018, lo studio che analizza il trend del mercato della casa nel 2017, realizzato dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate in collaborazione con Abi, l’Associazione Bancaria Italiana, presentato martedi 22 maggio a Roma presso il centro congressi delle Scuderie di Palazzo Altieri.

Nel corso del 2017 il numero di compravendite immobiliari riferito al settore residenziale è cresciuto del 4,9% rispetto al 2016. Un trend di crescita che vede le città di Milano, Palermo, Firenze e Napoli come le città guida per quanto riguarda il mercato immobiliare residenziale. Tra le grandi città solo Bologna registra un segna negativo.

Una crescita che nel 2017 ha registrato 542.480 transazioni per complessivi 89,6 miliardi di euro, 500 milioni in più rispetto al 2016, e che vede i geometri italiani tra i professionisti più coinvolti e interessati alle dinamiche del mercato immobiliare. In media, si legge nel Rapporto Immobiliare residenziale 2018, per l’acquisto di un’abitazione sono stati erogati 126mila euro, una somma che rappresenta circa il 71% della spesa di acquisto. Il tasso medio applicato dalle banche è rimasto sostanzialmente invariato (2,38%), come stabile è rimasta la durata media del mutuo, quasi 23 anni. Per quanto riguarda invece il settore delle locazioni, che complessivamente ha segnato il 6% dello stock immobiliare potenzialmente disponibile, i nuovi contratti sono stati circa 1,7 milioni, per un totale complessivo di oltre 2 milioni di immobili.

Alla presentazione, cui hanno partecipato diversi esponenti del mondo imprenditoriale e professionale italiano, sono intervenuti: Giovanni Sabatini - Direttore Generale ABI; Paolo Savini, Vice Direttore Agenzia delle Entrate; Gianni Guerrieri, Direttore Centrale Servizi Estimativi e Osservatorio Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate; Gianfranco Torriero, Vice Direttore Generale Abl; Maria Teresa Monteduro, Responsabile Direzione Studi e ricerche economico fiscali del MEF Dipartimento delle Finanze; Federico Polidoro, Dirigente del Servizio Sistema Integrato sulle condizioni economiche e i prezzi al consumo dell’ISTAT.