Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok
Cassa Geometri: Bilancio 2018 approvato con un risultato economico di 38,7 milioni di euro Confermato il trend positivo nella crescita dei redditi con un + 6,3%

Roma, 17 aprile 2019 - Il Comitato dei Delegati della Cassa Geometri ha approvato il bilancio consuntivo per l’esercizio 2018.

 

L’anno si è chiuso con un risultato economico di 38,7 milioni di euro (+ 10,5 milioni di euro rispetto al risultato atteso nell’aggiornamento previsionale 2018), in crescita rispetto ai 36,2 milioni del consuntivo 2017.

 

Nel 2018 si conferma per il terzo anno la ripresa dei redditi dei geometri, consolidando l’arresto della contrazione subita negli anni precedenti a causa della crisi del comparto dell’edilizia, con un trend positivo del + 6,3%, in continuità con il + 3,2% già registrato nel 2017, ed un volume d’affari medio pari a + 4,89%.

 

Questa ripresa dei redditiha dichiarato Diego Buono, Presidente Cassa Geometrinon è solo un risultato positivo, che corregge in meglio le nostre previsioni rafforzando la sostenibilità nel lungo periodo, ma certifica concretamente che stiamo procedendo secondo la ‘tabella di marcia’ che ci siamo dati per restituire fiducia in una professione che rimane un punto di riferimento per i cittadini”.

La gestione previdenziale della Cassa Geometri presenta nel 2018 un risultato positivo di 46,1 milioni di euro. Cresce il patrimonio netto a 2.361,9 milioni di euro dai 2.323,2 milioni del 2017.

 

Per la gestione degli impieghi mobiliari e finanziari è stato contabilizzato un risultato di gestione pari a 15,3 milioni di euro (6,8 milioni di euro nel 2017).

 

Nel 2018, inoltreprosegue il Presidente Buono - abbiamo incrementato tutte le forme di welfare attivo per facilitare l’accesso alla professione e consentire ai nostri iscritti di percorrere serenamente la propria vita professionale e siamo intervenuti sulla futura prestazione per renderla, da pensionati, più adeguata al tenore di vita”.